Sport +

Paola Egonu portabandiera alle Olimpiadi di Tokyo

Paola Egonu portabandiera alle Olimpiadi di Tokyo
Paola Egonu (ph. Michele Gregolin)

È giovanissima (compirà 23 anni il 18 dicembre), ma ha già un palmarès di tutto rispetto: due Champions League, uno scudetto, un Mondiale per Club, 4 Coppe Italia, 3 SuperCoppe italiane e un titolo mondiale Under 18.

È uno dei talenti indiscussi dello sport mondiale. Schiacciatrice alta 189 cm, punto di forza sia della Nazionale Azzurra di pallavolo che dell’Imoco Volley Conegliano, dominatrice delle ultime stagioni, tanto in Italia che nelle competizioni internazionali.

È anche uno dei tanti simboli della società multirazziale del terzo millennio. Una “gazzella” scurissima di pelle, per le origini nigeriane dei genitori, ma al tempo stesso italianissima fin dalla nascita, che l’ha vista vedere la luce a Cittadella, nell’Alta Padovana, ai confini con la provincia di Vicenza.

Ma Paola Ogechi Egonu, venerdì 23 luglio, si potrà togliere sul palcoscenico più importante dello sport planetario una soddisfazione riservata a pochissimi atleti. Nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo 2020, Egonu sarà insieme ad alcuni campioni di altri Paesi la portabandiera del vessillo a cinque cerchi nella cerimonia di inaugurazione dei Giochi nello Stadio Olimpico della capitale giapponese.

Lo ha ufficializzato il Coni, che aveva indicato la pallavolista della Nazionale femminile come rappresentante dell’intera spedizione olimpica italiana. Contattata dal presidente Giovanni Malagò subito dopo l’atterraggio a Tokyo, Paola ha commentato così, sul sito del Comitato Olimpico, la scelta: “Sono molto onorata per l’incarico che mi è stato dato a far parte del CIO per portare la bandiera olimpica. Mi ha fatto emozionare appena il presidente Malagò me l’ha detto, perché mi ritrovo a rappresentare gli atleti di tutto il mondo ed è una grossa responsabilità: attraverso me esprimerò e sfilerò per ogni atleta di questo pianeta”.

Grande soddisfazione è stata espressa anche dal presidente del Veneto, Luca Zaia: “Non c’è figura migliore di Paola Egonu, come donna e come atleta, per portare alla cerimonia di apertura di Tokyo 2020 la bandiera a cinque cerchi, un grande simbolo mondiale di fratellanza e lealtà, aldilà dello sport. Paola è il simbolo di quanto di meglio lo sport e la società contemporanea possano presentare oggi: donna coraggiosa dentro e fuori il campo, esempio di perfetta integrazione, probabilmente, anche la migliore pallavolista che abbia mai calcato un parquet. Quella di Tokyo sarà la sua schiacciata più bella”.

 

In apertura: Paola Egonu (ph. Michele Gregolin, per cortesia Imoco Volley Conegliano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  Olimpiadi, volley