Arte e Cultura +

Sorrentino verso la nomination per la conquista dell’Oscar 2022

Sorrentino verso la nomination per la conquista dell’Oscar 2022
Paolo Sorrentino Leone d’Argento 2021 (per cortesia La Biennale di Venezia)

Il regista Paolo Sorrentino si avvicina sempre più all’Oscar 2022.
Il suo ultimo lavoro,“E’ stata la mano di Dio”, che ha già ottenuto il Leone d’argento – Gran Premio della Giuria alla 78a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia,  è entrato nella short list dei 15 migliori film internazionali.
Lo ha annunciato l’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences svelando i film semifinalisti in dieci categorie.
Si dovrà ora attendere il prossimo 8 febbraio per l’annuncio della cinquina finale e sapere se il lungometraggio avrà conquistato la nomination.
In caso affermativo, il passaggio successivo sarà il 27 marzo, quando il verdetto nel corso della Notte degli Oscar dirà se Sorrentino riuscirà ad aggiudicarsi una seconda ambita statuetta otto anni dopo quella vinta per “La Grande Bellezza”. Non si sono classificati invece gli altri italiani Giuseppe Tornatore con “Ennio” e Marco Bellocchio con “Marx può attendere” in gara come miglior documentario.

E’ STATA LA MANO DI DIO – Official still (Credits Netflix)

E’ stata la mano di Dio” è un film ambientato nella Napoli degli anni Ottanta. Buona parte della narrazione è ispirata direttamente alla vita del regista e ai suoi ricordi, uniti a storie inventate o che gli sono state raccontate da altre persone.
La storia è costruita attorno alla figura del campione del calcio Diego Armando Maradona e racconta la crescita del protagonista Fabietto Schisa (interpretato da Filippo Scotti) tra tragedie familiari e passioni. Tra gli attori anche Toni Servillo (nel ruolo del padre di Fabietto), Luisa Ranieri e Enzo Decaro.
Il film di Paolo Sorrentino ha vinto il Leone d’argento a Venezia mentre il giovane Filippo Scotti, alla sua prima esperienza cinematografica, ha ricevuto il premio Marcello Mastroianni.
E’ stata la mano di Dio”, selezionato tra 91 candidature nazionali e già disponibile su Netflix dal 15 dicembre, dovrà fare i conti con “Un eroe” del veterano Asghar che ha già vinto due Oscar come Miglior Film Internazionale e con i film premiati a Cannes “Drive my car” (Giappone), “La persona peggiore del mondo” (Norvegia) e “Scompartimento N.6 – In viaggio con il destino” (Finlandia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  cinema