Natale 2018: la riscoperta del teatro

Presentazione dell'evento in Comune. Da sinistra a destra: la presidente del Consiglio comunale Ermelinda Damiano, Red Canzian, la responsabile del foundraising della Fondazione
Nella foto in alto: Presentazione dell’evento in Comune. Da sinistra a destra: la presidente del Consiglio comunale Ermelinda Damiano, Red Canzian, la responsabile del foundraising della Fondazione “La Città della Speranza”, Stefania Fochesat0 e l’assessore Simone Venturini

Ricchi cartelloni, personaggi internazionali: a Venezia o a Mestre il Natale è musica per il cuore

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi?
Non si usa più.
Lo dimostra il ricchissimo calendario di eventi proposti per questo Natale 2018 dai teatri della città metropolitana.

Natale non è più solo cenone della vigilia, regali sotto l’albero e un pranzo lungo da tenere intere famiglie incollate a tavola fino a sera.
Natale è anche musica,  danza,  comicità da condividere.
Soprattutto è spettacolo nel nome della solidarietà.

Ad aprire il fitto cartellone delle festività sarà infatti, martedì 18 dicembre, al Teatro Malibran di Venezia, un evento attesissimo: il concerto di Natale di Red Canzian.
Inizierà alle ore 21.30 e l’ingresso sarà gratuito.
Chi vorrà potrà donare un’offerta destinata alla Fondazione “La Città della della Speranza”, che si occupa di malattie oncologiche infantili.
Sul palco con Red Canzian ci sarà un’orchestra composta da 30 professionisti e dal coro che con lui intonerà le canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana e alcune dei Beatles, di Frank Sinatra, John Lennon e Bing Crosby.
“E’ un onore ospitare al Teatro Malibran Red Canzian, un grande artista del nostro territorio che ama Venezia e che ha contribuito a fare la storia della musica italiana -ha commentato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro-  Insieme agli altri eventi diffusi in tutto il Comune, questo Concerto di Natale condurrà in un’atmosfera particolarmente suggestiva, affidando al linguaggio universale della musica e del canto un messaggio di unione e comunità”.

Ad aprire il Cartellone a Mestre sarà invece, al Teatro Toniolo, sabato 22 dicembre (ore 19.30) e domenica 23 (ore 16.30) A Christmas Carol,  musical della Compagnia  dell’Alba che avrà come attore protagonista il comico Roberto Ciufoli.
Tratto da una novella di Charles Kickens con musiche del compositore statunitense Alan Menken (autore di La Bella e La Bestia,  La Sirenetta e molte altre melodie che lo hanno portato a vincere 8 Oscar e a ben 19 nomination) A Christmas Carol è al suo debutto italiano assoluto.

La locandina di A Christmas Carol

Ma gli spettacoli in programmazione per le festività natalizie al Toniolo sono ben quattro, tutti di grande spessore.

Dopo a A Christmas Carol, infatti,  il 26 dicembre andrà in scena Lo Schiaccianoci (doppia replica alle 16.30 e alle 19.30),uno dei balletti più rappresentati nel mondo nel periodo natalizio.

Il 31 dicembre sarà invece la volta dell’operetta con La Vedova Allegra proposta dalla Compagnia Italiana di Operette  e musicata da Franz Lehar.

Sempre il Toniolo il 6 gennaio invece ospiterà i bambini dello Zecchino d’Oro, che proporranno il  primo musical realizzato in occasione del sessantesimo anniversario dalla nascita dell’ormai storico appuntamento televisivo.

Ospiti internazionali, dal 21 dicembre, anche al Teatro Corso di Mestre.
Luca Foffano, noto nel mondo come “The voice of Venice”, presenterà  (ore 21.15) una versione esclusiva di “Indivisibili”.
Tra gli ospiti la soprano russa Alina Yarovaya, che si esibirà per la prima volta in Italia.

Al Teatro Goldoni di Venezia, infine, il 22 e 23 dicembre andrà in scena Christmas Special Guest (ore 19.00).
Sul palco le 200 voci della Big Vocal Orchestra eseguiranno brani che evocano le atmosfere, e i sapori natalizi.
A San Stefano, invece, andranno in scena i 30 ballerini del Moscow State Classical Ballet che proporranno Il lago dei cigni (17.00 e 20.30), tra i balletti più famosi al mondo. Con loro alcune straordinarie stelle della danza classica russa: i Russian Stars.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter