fbpx

“Lo Spirito di Stella”: il catamarano per un mondo accessibile

catamarano

Presentata la “Universal Design Week – Venice 2019”, iniziativa per promuovere l’accessibilità universale

Solca i mari e gli oceani a bordo del catamaranoLo spirito di Stella”, il primo al mondo senza barriere architettoniche.
L’imbarcazione porta il suo nome. La rotta che segue? Un mondo accessibile.
Lui, Andrea Stella è un velista e imprenditore veneto, vittima di un’assurda aggressione a colpi d’arma da fuoco subita a Miami.
Aveva 24 anni e gli è costata una paraplegia agli arti inferiori.
Da allora la sua vità è in sedia a rotelle. Per lui però, i limiti non esistono. Una lezione che ha imparato a sue spese.

“La vita – ci dice Stella, che abbiamo raggiunto al telefono – può cambiare in un attimo. Bisogna riuscire a flettersi senza farsi spezzare e continuare più convinti di prima”.
Dopo il tragico incidente un periodo di buio, poi di nuovo la luce, grazie all’amore della famiglia e di persone che gli sono state vicine.
Andrea da allora è abituato a vivere con il vento in poppa. Nel vero senso della parola.


Ha infatti fatto costruire un’imbarcazione adatta alle sue esigenze, ha ripreso la via del mare e ha dato vita, con l’associazione “Lo Spirito di Stella”, al progetto “WoW – Wheels on Waves” (Ruota sulle onde) del quale fa parte l’iniziativa “Universal Design Week”, che nel nostro territorio diventa “Universal Design Week Venice”.
“L’accessibilità – sottolinea Andrea – è uno spicchio della sostenibilità. Oggi sul tema non ci sono solo parole. L’argomento è stato ben recepito e il segnale importante è che il mondo produttivo la sta mettendo in pratica. Una città più a portata anche dei disabili o di chi ha difficoltà, diventa più sostenibile “.

Lo “Spirito di Stella” a Venezia

Dal 30 settembre al 6 ottobre Venezia ospita infatti numerose iniziative dedicate al cosiddetto “Universal Design” per promuovere l’accessibilità universale e la sua diffusione in campo architettonico, sociale e culturale. Si tratta di una metodologia di progettazione per rendere un ambiente confortevole, sicuro e qualitativamente migliore per tutti i potenziali utilizzatori, indipendentemente da età, capacità e condizione sociale. Una settimana dunque per contribuire ad abbattere le barriere fisiche, grazie alla ricerca sulle soluzioni progettuali e architettoniche più adatte, ma anche mentali.

“Il vero significato dell’accessibilità – ha sottolineato l’assessore alle Politiche educative del Comune di Venezia Paolo Romor – non è seguire la prima soluzione percorribile ma cercare quella più idonea, che permetta alla persona affetta da disabilità o difficoltà di vario genere di farcela in piena autonomia. Sembra un paradosso che Venezia venga portata come esempio di città accessibile, eppure quasi il 70% della superficie della città storica lo è, grazie agli interventi realizzati negli anni con il Piano eliminazione Barriere architettoniche del Comune”.

Gli appuntamenti “Universal Design Week – Venice 2019”

Parola d’ordine: accessibilità. Sono previsti incontri, lezioni e convegni rivolti ai progettisti, architetti, docenti e addetti ai lavori.
Non mancheranno attività per le scolaresche del territorio e per i cittadini attraverso cui si approfondiranno i 7 principi cardine dell’ “Universal Design”: equità, flessibilità, semplicità, percettibilità, tolleranza per l’errore , contenimento dello sforzo fisico, misure e spazi sufficienti.

La settimana si aprirà lunedì 30 settembre con un incontro alla scuola primaria Giacomo Leopardi, dove Andrea Stella incontrerà gli studenti.
Il giorno successivo il Salone da Ballo del Museo Correr ospiterà alle 18 il convegno “Universal design, per un’architettura accessibile, funzionale e confortevole per tutti” . In questa occasione verrà portato come caso di studio anche il catamarano “Lo Spirito di Stella”, il primo accessibile alle persone con disabilità.

L’imbarcazione ormeggerà a Venezia per tutta la settimana. Mercoledì e venerdì sono previste due uscite a bordo per architetti, progettisti e addetti ai lavori che avranno la possibilità di toccare con mano caratteristiche e dettami dello “Universal Design”. Il 3 ottobre in programma anche il seminario dello Iuav “Costruire ponti per l’inclusione” e alle 17.30 chiunque potrà provare l’esperienza di muoversi a Venezia con la sedia a rotelle attraverso un “bacaro tour” che partirà dalla fermata Actv Rialto Mercato.

La conclusione è dedicata alle “WoW Experiences”, uscite gratuite in catamarano per persone con disabilità e accompagnatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter