fbpx

Al Candiani, il grande cinema nelle foto di Kirkland

Faye Dunaway e Marcello Mastroianni immortalati da Douglas Kirkland nel 1968
Nella foto in alto: Faye Dunaway e Marcello Mastroianni immortalati da Douglas Kirkland nel 1968

Il cinema, immagine in movimento, che guadagna una nuova immortalità attraverso la foto, immagine statica. Può sembrare un controsenso, ma non lo è, quando si parla di grandi artisti non solo davanti, ma anche dietro l’obiettivo. Douglas Kirkland è diventato una vera e propria leggenda della fotografia proprio all’interno di questo “grande gioco” in bilico tra pellicola e negativi. E i suoi scatti, veri e propri capolavori legati alle star degli anni d’oro del grande schermo, arrivano adesso a Mestre e Venezia.

La locandina della mostra su Douglas Kirkland

Il “cantore” dell’ultima Marilyn Monroe

È stata proprio la foto di un’icona del cinema a lanciare la carriera dell’allora giovane Kirkland. Il fotografo aveva iniziato come collaboratore di un altro grande della fotografia, Irving Penn, avviando poi nel 1960 la collaborazione con la testata “Look Magazine”.

Aveva 27 anni, il fotografo nato a Toronto nel 1934, quando realizzò il famoso servizio fotografico con Marilyn Monroe.
La star di Hollywood,  cui “Look Magazine” dedicò il numero che festeggiava i 25 anni della rivista, fu immortalata coperta solo di lenzuoli bianchi.
Immagini che fecero il giro del mondo e, dopo pochissimo tempo, acquisirono un ulteriore valore documentario: a sei mesi da quel servizio, la vita di Marilyn si concluse prematuramente per un’overdose di barbiturici.

How to Steal a Million Dollars, foto di Douglas Kirkland del 1965

Una vita tra le star

Come testimoniano le foto esposte a Mestre e Venezia, Kirkland invece non si fermò lì, diventando a sua volta uno dei nomi più conosciuti dello star system hollywoodiano.
Una stella a sua volta di prima grandezza, pluripremiata e onorata dall’organizzazione di collezioni permanenti da parte di importanti istituzioni museali di tutto il mondo.

La sua capacità di cogliere, attraverso l’obiettivo, gli aspetti più intimi dei soggetti immortalati lo ha messo in contatto, dentro e fuori dal set, con i più grandi registi e attori.
Farne un elenco sarebbe comunque riduttivo. Si va da Vittorio De Sica a Marcello Mastroianni, da Sofia Loren a Paul Newman, da Robert De Niro a Jack Nicholson e Meryl Streep. Fino a star più recenti, come Leonardo DiCaprio e Kate Winslet. Del resto, fin dai primi anni Sessanta, Kirkland ha immortalato più di 170 film, tra kolossal e produzioni indipendenti.

Jack Nicholson immortalato nel 1975 a casa sua da Douglas Kirkland

La mostra al Candiani

A essere proposti nell’esposizione veneziana sono alcuni degli scatti più famosi del fotografo canadese. Il percorso, che ripercorre alcuni dei più celebri set cinematografici internazionali, si articola principalmente al Centro Culturale Candiani di Mestre, ma non solo. Una sezione della mostra “Freeze Frame, 60 anni dietro le quinte del Cinema” sarà ospitata infatti anche dalla Casa del Cinema di San Stae, a Venezia.

L’esposizione, realizzata dal Candiani in collaborazione con Photo Op, è curata da Marta Cannoni, Livia Corbò ed Elisabetta Da Lio. Sarà inaugurata sabato 15 febbraio, alle 17, al terzo piano del Centro culturale. Qui sarà visitabile, sempre a ingresso libero, fino al 19 aprile, da mercoledì a domenica, dalle 16 alle 20. La sezione veneziana sarà invece aperta al pubblico dal lunedì al venerdì, in concomitanza con gli orari della Casa del Cinema.

Sul set di Out of Africa nel 1985

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter