A Venezia la tela più grande del mondo

2. Martirio di San Pantalon - dettaglio
Nella foto in alto: Martirio di San Pantalon

In una chiesa al di  fuori dalle più gettonate mete turistiche, un primato nascosto

Venezia è una delle capitali mondiali della storia dell’arte, questo non è certo un mistero.
Per la città lagunare sono passati artisti di ogni tipo, antichi e moderni, provenienti dalle parti più diverse del mondo per trovare lavoro e ispirazione.
Tra i tanti primati che questa città può vantare, uno dei più significativi ma meno conosciuti, è la presenza della più grande tela al mondo.
443 metri quadrati di dipinto appesi al soffitto della Chiesa di San Pantalon, luogo lontano dalle rotte turistiche abituali.

La chiesa di San Pantalon

Questo dipinto non è solo una grande meraviglia artistica realizzata da Gian Antonio Fumiani, pittore veneziano barocco, ma è anche ricco di chicche culturali tutte da scoprire visitando un luogo davvero misterioso e suggestivo.

Giavanni Antonio Fumiani

Giovanni Antonio Fumiani è un pittore nato e vissuto nel pieno periodo barocco veneziano.
Non si sa molto di lui: non c’è infatti una documentazione certa riguardo la sua nascita e l’anno, piuttosto discusso, è stato individuato tra il 1640 e il 1650.
Pur essendo un pittore presumibilmente, nato a Venezia, agisce in tutto il nord-est. Si ritrovano  sue opere anche a Vicenza, a Padova e a Bologna.
Anche la sua morte risulta molto misteriosa. È infatti attorniata da un episodio leggendario: sembra, infatti, che sia caduto da un impalcatura mentre dipingeva il dipinto per cui oggi lo ricordiamo, il Martirio di San Pantalon, nel 1710.

Il soffitto della chiesa di San Pantalon

Pur non essendoci testimonianza certe di ciò, resta il fatto che questo pittore abbia operato in più chiese nel territorio veneziano (San Zaccaria e San Beneto, per esempio) e che sia passato alla storia per il dipinto più grande al mondo.

La tela del Martirio di San Pantalon

Il Martirio e la Gloria di San Pantaleone è un dipinto di 443 metri quadri che ricopre l’intero soffitto dell’omonima chiesa. Quello che, a prima vista, potrebbe sembrare un gigantesco affresco, come tipico dei soffitti delle chiese, è invece il risultato dell’unione di 40 tele differenti a rivestimento delle pareti.
Il dipinto si presenta come una composizione maestosa che sale verso l’alto dando grande senso di slancio all’intera struttura.

Tre scene per la tela più grande del mondo

Fumiani, che aveva avuto esperienza nella realizzazione di scenografie teatrali, si cimenta nella narrazione del capitolo finale della vita del santo, realizzando tre scene ben distinte per sviluppare la narrazione.
La prima di queste vede la condanna a morte, con il santo al centro attorniato dai suoi carnefici che brandiscono attorno a lui gli strumenti della tortura come bastoni e uncini.
Al centro della grande tela si trova il San Pantalone in Gloria. La scena è avvolta da una luce gialla intensa, brillante, che rende quest’idea della glorificazione e della vicinanza alle alte Sfere Celesti.
La scena del Trionfo dell’Eucarestia riempie l’altro lato del dipinto. Una moltitudine di angeli e di allegorie riempie ogni angolo del dipinto, quasi a voler ribadire lo stile barocco sempre ricco di dettagli e privo di spazi vuoti.

San Pantalon – Veronese

San Pantaleone, il patrono dei medici e delle ostetriche

San Pantaleone di Nicomedia, in veneziano Pantalon, fu un martire cristiano degli inizi del IV secolo.
Seppur non conosciuto come altri, San Pantalon gioca un ruolo fondamentale nella spiritualità antica. È, infatti, considerato il patrono dei medici e delle ostetriche, figure che nel passato giocavano un ruolo saliente soprattutto per la percentuale ridotta di sopravvivenza alle malattie e al parto (causa principale della mortalità femminile),  invocato anche contro la consunzione.

Un Santo che arriva dall’Oriente

La presenza di questa figura, tipicamente legata, per origine e diffusione del culto all’Ex Impero Bizantino, trae la spiegazione per la presenza nel territorio veneziano per i continui contatti tra la cultura lagunare e l’Oriente.
Come testimoniato dall’opera di Fumiani, questo Santo è oggi considerato un martire cristiano. Secondo la storia, Pantaleone viene condannato ad una serie di torture a cui resiste grazie alla sua fede. Solo la decapitazione finale riesce a piegarlo alla fine, senza però piegarne il carattere.
La chiesa di San Pantalon è un vero e proprio centro per il culto di questa figura perché al suo interno si conserva la reliquia del braccio del santo.

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

8 commenti su “A Venezia la tela più grande del mondo”

  1. Pierluigi Roccatagliata

    é, a mio parere, un’opera grandiosa e spettacolare per la composizione complessiva e per la ricchezza e la fantasia dei perticolari. C’è veramente da perdersi e occorre tempo per leggerla e cogliere la quantità di messaggi e di significati. Fumiani si dimostra essere una figura tutt’altro che secondaria nella cultura del suo tempo.

    1. La nostra Venezia è la città dei tesori. La prossima volta che ci andrò,andrò sicuramente a visitare questa chiesa.

  2. Gianna Magnolfi

    Stupenda prospettiva dal basso verso l alto, fa sì che la chiesa appaia priva del soffitto, e porta lo sguardo di chi guarda nelle profondità del cielo ! Solo un genio della pittura poteva concepire un quadro di questa forza e meraviglia! Un esempio fulgido del barocco veneziano.
    Alzare gli occhi a quel cielo affollato provoca vertigine e stupore!
    Imperdibile !

  3. Meravigliosa… ma non è la tela più grande del mondo. A Maddaloni (CE) ce ne una di 720 mq. nel convitto Nazionale “Giordano Bruno”. Tom Cruise, durante le riprese di Mission Impossible nella Reggia di Caserta, ha visitato il Convitto donando 25mila euro per il suo restauro.

  4. Io non la conosco r la prima volta che la vedo ma ad occhio è veramente Stupenda Bellissima Eccezionale Straordinaria altro non so che dire spero che un giorno possa andare a vederla .Grazie x questa informazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: