Via tralicci e basamenti: a Venezia, la rete elettrica si fa ecocompatibile

La rete elettrica su tralicci in Laguna
Nella foto in alto: Demolizione dei tralicci dell’energia elettrica in Laguna

Una volta c’erano i tralicci, strutture imponenti dall’impatto (non solo visivo) tutt’altro che trascurabile sull’habitat naturale della Laguna.
Negli ultimi anni, la rete che alimenta di elettricità la città di Venezia è stata ammodernata, con infrastrutture efficienti e rispettose dell’ambiente. E, di conseguenza, si è potuto procedere alla rimozione delle vecchie e ingombranti strutture di sostegno. Adesso tocca ai relativi basamenti.

Il nuovo assetto della rete elettrica senza i tralicci

A rendere possibile il riassetto della rete elettrica è stata l’entrata in esercizio delle 2 nuove linee “Sacca Serenella-Cavallino” e “Fusina 2-Sacca Fisola”.
Si tratta di infrastrutture per il trasporto dell’energia in cavo interrato, in grado di garantire non solo una maggiore sostenibilità ambientale, ma anche la massima efficienza nell’erogazione del servizio.

Già nel 2019 si è dunque potuto procedere con lo smantellamento e la rimozione di 19 tralicci presenti in Laguna e dismessi dal servizio.
Altri 5 tralicci della rete complessiva sono stati demoliti in terraferma, per un totale di 6,5 km di linee aeree eliminate.

Demolizione dei tralicci dell'energia elettrica in Laguna
Demolizione dei tralicci dell’energia elettrica in Laguna

La rimozione dei basamenti

L’intervento di ammodernamento è ora entrato nella fase conclusiva.
Terna ha annunciato infatti l’avvio dei lavori di rimozione delle fondazioni in calcestruzzo armato posti alla base dei tralicci.
I lavori saranno realizzati nel pieno rispetto dell’ecosistema lagunare.

La conclusione delle opere di smantellamento, ha annunciato la società che gestisce la rete, è prevista entro fine 2020.
Per quella data, le aree lagunari, di enorme pregio paesaggistico, saranno definitivamente liberate dalla presenza delle infrastrutture elettriche.
E si potrà così ripristinare l’originario habitat.

I basamenti dei tralicci elettrici in Laguna
I basamenti dei tralicci elettrici in Laguna

L’intervento

Il programma dei lavori inizia con la rimozione delle strutture di calcestruzzo armato che affiorano sopra il livello dell’acqua.
Queste saranno quindi trasportate in terraferma per lo smaltimento. Successivamente si interverrà sulle fondazioni. Attorno a ciascuna di esse, sarà posizionata una struttura metallica di contenimento. All’interno della stessa si potrà così movimentare il materiale e mettere in luce i pali di fondazione.

Le fondazioni saranno tagliate a una profondità di 2 metri al di sotto del fondale. E a loro volta saranno trasportate in terraferma insieme ai materiali di risulta. A quel punto, una volta rimosse le strutture metalliche, potrà essere ripristinato il fondale.

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: