A Zelarino nasce il polo sportivo Venezia Football Academy

L inaugurazione dei campi da calcio del Venezia Football Academy
Nella foto in alto: L inaugurazione dei campi da calcio del Venezia Football Academy

La terraferma veneziana si arricchisce di una nuova realtà sportiva per i giovani della città metropolitana

Mettici un pallone, un bel manto erboso e tanti amici con i quali divertirsi. Il gioco è fatto.
Giovani atleti crescono negli spazi del centro Cardinal Urbani, a Zelarino.
A loro disposizione, ci sono ora due campi da calcio, freschi di inaugurazione.
E’ il nuovo centro sportivo del Venezia Football Academy, un realtà che coinvolge nel progetto 150 ragazzi provenienti da tutta l’area della città metropolitana.

I nuovi campi dell’Academy

L’unione fa sempre la forza. Le istituzioni politica, sociale e sportiva privata si sono messe assieme per far nascere sul territorio una realtà significativa per i giovanissimi calciatori dell’Academy Arancioneroverde.

I giovanissimi calciatori di Venezia Football Academy

«L’inaugurazione dei due nuovi campi da calcio e la collaborazione con il Patriarcato di Venezia – spiega il presidente Alessandro Piovesan – rappresentano l’inizio di una fase importante per l’Academy e i tanti giovani iscritti. Dopo il percorso di formazione per i ragazzi attraverso il “Progetto Scuole” patrocinato dal Comune di Venezia facciamo un passo avanti. Questo centro sportivo, realizzato negli spazi del Centro pastorale Cardinal Urbani, permette di coniugare i valori dello sport e del sociale anche legati alla fede e ai patronati e le parrocchie presenti sul territorio veneziano».

Lo sport, scuola di vita

I due nuovi campi da calcio in erba fresca saranno utilizzati per gli allenamenti e le attività ludiche.
A inaugurarli il Patriarca di Venezia Francesco Moraglia che ha poi dato prova di sportività con un tiro da centrocampo andato dritto in porta, tra gli applausi dei presenti.

ll tiro in porta del Patriarca di Venezia Francesco Moraglia sul campo da calcio del Centro pastorale Urbani a Zelarino

«Lo sport è una scuola di vita – ha dichiarato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, presente all’inaugurazione -.Questa è una realtà d’eccellenza per aggregare giovani da tutto il territorio metropolitano. Sono pienamente d’accordo con il Patriarca Moraglia quando parla di idea pedagogica dello sport. Perché lo sport è una scuola che insegna a sapersi relazionare con tutti, a crescere con valori sani, a rispettare le regole e ad accettare anche le sconfitte. Insegnano più della vittoria. Portano a lavorare sui propri punti deboli per rialzarsi».

Un progetto che guarda lontano

«La collaborazione tra Venezia Football Academy e Patriarcato – sottolinea il presidente Piovesan – è un segno di ripartenza e una scommessa educativa. Lo sport è  sacrificio, insegna ad affrontare al meglio le difficoltà che si incontrano dando lo stimolo per ricominciare quando le cose non vanno bene. In questi anni sta crescendo sempre più l’attenzione rivolta ai bambini.

La consegna delle maglie nominative al sindaco di Venezia Brugnaro e al Patriarca Moraglia

Partendo dall’inaugurazione di questi due campi da calcio l’obiettivo è quello di riempire di ragazzi gli oratori, le parrocchie, i parchi e le piazze del nostro territorio. Già dalla prossima settimana inizieremo a girare nelle varie località dell’area metropolitana con i nostri iscritti e gli allenatori per portare ovunque i valori dello sport e della fede cristiana. La chiesa è da sempre un punto di riferimento per l’aggregazione dei giovani, a cominciare dai più piccoli. E la fede, assieme all’attività ludica e sportiva aiuta a guardare al futuro con speranza, soprattutto in questo momento particolarmente difficile per tutti dovuto alla pandemia».

Il progetto dell’Academy prevede anche lo sviluppo di un’attività congressuale.
Si concretizzerà attorno a tre macro aree: una di formazione tecnica gestita con il Venezia FC; una psicologica con uno psicologo dell’età evolutiva che coinvolgerà anche i genitori e l’ipotesi di un laboratorio per l’attività motoria.

 

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: