Editoriale +

EVENTI CHE SEGNANO IL TERRITORIO

EVENTI CHE SEGNANO IL TERRITORIO


Ci sono eventi destinati ad entrare nella storia. Eventi che segnano un territorio e che impongono profonde riflessioni alle persone che lo abitano. Certamente la visita del Papa a Venezia in programma il prossimo mese di maggio sarà uno di questi eventi. Non solo perchè l’ultima visita del Santo Padre, allora si trattava di Karol Woityla, risale a ventisei anni fa, ma anche perchè il tema della visita, riprendendo lo spunto offerto nel 1985, è legato proprio al ruolo del nostro territorio. Un territorio che può essere anello di congiunzione tra oriente ed occidente, tra nord e sud, attualizzando in termini moderni quella storica vocazione risalente ai tempi della Serenissima. Un tema di discussione che si riallaccia ai temi trattati da Reyerzine, impegnato a raccontare, attraverso le storie di eccellenza, l’identità metropolitana del nostro territorio. Una trasformazione che passa attraverso la forza aggregante delle nuove infrastrutture come il Passante del quale, questo numero della rivista, celebra i due anni della realizzazione con un primo bilancio. E passa anche attraverso istituzioni culturali che si dicono già pronte a proporre un’organizzazione metropolitana come il Teatro Stabile del Veneto. Questo numero di Reyerzine propone inoltre alcune nuove rubriche tra cui ne segnaliamo una dedicata alle novità tecnologiche più innovative realizzate dalle “menti” del territorio scoprendo che a volte il mondo premia eccellenze di casa nostra che spesso ignoriamo. Un focus sull’innovazione nato con l’auspicio che anche in questo caso si possa parlare di novità destinate a lasciare il segno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.