Economia +

Effetto Covid sulle Feste degli italiani: 8 milioni rinunciano

Effetto Covid sulle Feste degli italiani: 8  milioni rinunciano

Dopo il Natale in rosso del 2020, anche per le Festività 2021 non si prospetta un periodo dei migliori.
A segnare il passo è la variante Omicron, che fa paura considerati i casi registrati purtroppo in costante aumento.
Così, tra Super Green Pass e le nuove restrizioni che il Governo deciderà in questi giorni, l’effetto si fa sentire.
Sono infatti ben 8 milioni gli italiani che hanno deciso di rinunciare a viaggi e vacanze per le feste di Natale e Capodanno.

Il nuovo allarme per il turismo

Il borsino delle vacanze di fine anno di Demoskopika fa dunque i conti con la minaccia Omicron dopo due anni di pandemia che già l’hanno messo a dura prova. Secondo i dati rilevati, poco più della metà degli italiani (52%) avrebbe deciso di andare in vacanza per le feste di fine anno, con un 24% di prenotazioni giù effettuate.
Al netto di un 15% di persone ancora indeciso, 18 milioni sarebbero pronti a partire.
9 su 10 sceglieranno mete nazionali, con le località di montagna in cima alle preferenze, seguite da città d’arte e borghi da nord a sud d’Italia, campagna o lago.

Il versante opposto dice che 24 milioni di italiani, vale a dire il 48%, hanno scelto di non partire.
Di queste persone, il 12,4%, pur volendo, dichiara di non farlo per il timore a viaggiare mentre il 16%, corrispondente a 8 milioni, ha addirittura cancellato la prenotazione per l’arrivo di Omicron.

La tendenza alle disdette e feste con meno regali

Sempre secondo i numeri di Demoskopika, in questi giorni si registra una tendenza alle disdette che potrebbe aumentare a seguito delle ulteriori misure introdotte per cercare di frenare i contagi.
Le previsioni indicano che potrebbero arrivare fino a 11 milioni di rinunce.
Confcommercio rivela che gli effetti pandemia e variante Omicron si fanno sentire anche sui consumi.
Il 74% degli italiani effettuerà regali e il dato è in linea con lo scorso anno, contro però l’86,9% del Natale pre-Covid.

tredicesima

Secondo l’analisi, il restante 26% non farà acquisti.
Scelta fatta per risparmiare o pagare le bollette, per evitare incontri per lo scambio dei doni o per il peggioramento della propria condizione economica.
Con riferimento al budget, sono in aumento i consumatori che hanno deciso di spendere meno di 300 euro.
Sono il 97% del campione a fronte del 94,2% dello scorso anno. Tra coloro che percepiscono la tredicesima – il 74% dei consumatori – quasi un terzo la metterà da parte per risparmiare, il 29% la utilizzerà per far fronte alle spese per la casa e la famiglia, il 16% per acquistare i regali di Natale, mentre per il 14%servirà a pagare tasse e bollette.

I numeri del virus in Italia e nel mondo

Il bollettino di ieri relativo ai numeri del virus indica che il 21 dicembre sono stati superati i 30 mila contagi, mentre i decessi sono stati 153 e oltre mille persone sono ricoverate in terapia intensiva.
Negli Usa, così come in Danimarca, la variante Omicron è ormai la più diffusa.
La Russia conta oltre 25 mila nuovi casi e 1.020 decessi nelle ultime 24 ore.
In Israele è stato dato l’ok alla quarta dose di vaccino per frenare la variante Omicron considerato che la curva dei contagi ha ripreso la salita.

sileri
Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri @Fb Sileri

«A gennaio, sulla base dei dati attuali, non ci sarà un lockdown nazionale – precisa il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri – ma zone rosse se la circolazione del virus con la complicità della variante Omicron dovesse aumentare. Il 2022 sarà l’anno della transizione dalla fase di pandemia a quella di endemia del virus».

Silvia Bolognini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  Natale, Omicron