Dall’alternanza scuola-lavoro più opportunità per imprese e studenti

Ragazzi nelle fornaci muranesi per i percorsi di alternanza scuola-lavoro
Nella foto in alto: Alternanza scuola-lavoro all’Istituto Abate Zanetti di Murano

Secondo le previsioni di Anpal-Unioncamere, le imprese venete hanno programmato nel prossimo trimestre oltre 100.000 contratti (63.240 in piccole e medie imprese). Il 30% dei contratti previsti rischiano però di non essere concretizzati per la mancanza di offerta di personale qualificato. Nel contempo, tante imprese, soprattutto piccole e medie, sono costrette a dire di no a nuove commesse per carenze di forza lavoro. Una possibile soluzione alla situazione, però, c’è: avvicinare sempre più il mondo della scuola a quello dell’impresa.

Il protocollo d’intesa

È proprio a questo obiettivo che mira il protocollo d’intesa sottoscritto da Confartigianato Imprese Veneto e Anpal Servizi. A partire dal prossimo anno scolastico, vi saranno coinvolti 80 istituti superiori del Veneto.
Nel Veneziano, sono 11 le scuole, 9 statali e due paritarie, che sono state individuate dall’Ufficio Scolastico Regionale: Algarotti, Barbarigo e Marinelli a Venezia ;  Bruno/Franchetti, Stefanini e Santa Caterina da Siena a Mestre; XXV Aprile e Marco Belli a Portogruaro;  Cornaro a Jesolo e Musatti a Dolo.

“Una delle novità di quest’anno – ha sottolineato il presidente di Confartigianato Veneto, Agostino Bonomo – è l’avvio dei rapporti anche con i licei e non solo con le scuole tecniche. Questo rafforza il concetto di base: alzare l’asticella, perché le nuove generazioni maturino capacità anche per diventare i futuri imprenditori”.

Da sinistra: Giovanna Gorini (Anpal Servizi) e Agostino Bonomo (presidente Confartigianato Imprese Veneto) alla presentazione del protocollo d’Intesa

Le imprese rispondono

Sono già un’ottantina, nelle prime province venete che hanno risposto, le imprese coinvolte. L’obiettivo è quello di raggiungere la partecipazione ai percorsi di circa 200 realtà imprenditoriali. Ed è significativo che, tra le scuole veneziane  quasi la metà (cinque su undici) siano istituti alberghieri o turistici.

Le imprese del settore, la prima economia regionale, chiedono infatti sempre più manodopera qualificata. A livello regionale, comunque, sono soprattutto le competenze nell’ambito delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione a presentare le maggiori difficoltà di reperimento: qui la percentuale sfiora l’80%.

Dall’alternanza scuola-lavoro nuove opportunità per i ragazzi

I dati più recenti sui percorsi di alternanza scuola-lavoro in Veneto parlano di 42.817 imprese che si sono messe a disposizione e di 115.000 ragazzi che hanno partecipato alle iniziative. Di questi, l’80% hanno migliorato le performance scolastiche e il 40% quelle comportamentali.

Adesso, dopo le recenti novità legislative, si parla di “Percorsi per competenze trasversali e per l’orientamento” e di “apprendistato duale”. È in particolare questa seconda strada ad avere margini di sviluppo molto ampi.
“Cercando di utilizzare la nostra esperienza – ha spiegato Giovanna Gorini di Anpal Servizi – cerchiamo di far sì che i percorsi attivati siano i più conformi alle esigenze di scuole e imprese, proprio per arrivare il più possibile all’apprendistato duale”.
Una volta acquisito il doppio status di “studente-lavoratore”, il ragazzo ha infatti in mano un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Alternanza scuola-lavoro all’Istituto Abate Zanetti di Murano

L’alternanza scuola-lavoro all’Istituto Abate Zanetti

Anche nel mondo dell’arte vetraria, intanto, sono partiti per gli allievi del terzo anno i Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento. Con gli inserimenti dei ragazzi in azienda, l’Istituto Superiore Tecnico Tecnologico Abate Zanetti continua così a dare il suo contributo al ricambio generazionale per il distretto di Murano. Vetrerie, laboratori artigianali e istituzioni museali hanno aderito ai progetti, consentendo agli studenti di mettere in pratica alcuni aspetti della loro preparazione, legata al percorso scolastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter