“Ceci n’est pas une pipe” (Questa non è una pipa) è il titolo del famoso quadro di Magritte; di fatto è una vera provocazione: non è una pipa perchè prima di essere una pipa è un quadro… Ma senza entrare troppo nel significato recondito del quadro, ci siamo avvalsi di questa provocazione artistica per stimolare la discussione su quanto spesso ci sbagliamo su alcune cose basandone la valutazione su quello che percepiamo e non sul dato reale. E per renderci consapevoli di ciò, abbiamo ripreso lo studio fatto da Bobby Duffy, direttore della sezione inglese di Ipsos  che ha messo a punto il “Misperceptions Index” (Indice delle idee sbagliate) sulla differenza tra percezione e realtà. Abbiamo quindi riproposto alcune domande relative  a temi generali riferiti alla società italiana riportando anche la media delle risposte degli italiani. Adesso è ora di mettersi alla prova! Non si vince  niente, solo un po’ di consapevolezza in più… Provate e continuate a seguirci: prossimamente pubblicheremo altri test relativi alla Città di Venezia.

Quale percentuale della popolazione residente in Italia è immigrata?

Quale percentuale della popolazione residente in Italia è immigrata?

Il numero reale è 9,2%.

La media delle risposte è 30%.

In percentuale, quanti sono i musulmani in Italia?

In percentuale, quanti sono i musulmani in Italia?

Il numero reale è 4,8%.

La media delle risposte è 20%.

Qual è la stima in percentuale di musulmani in Italia nel 2030?

Qual è la stima in percentuale di musulmani in Italia nel 2030?

Il numero stimato è 5,4%.

La media delle risposte è 20%.

Quante persone su 100 in Italia hanno più di 65 anni?

Quante persone su 100 in Italia hanno più di 65 anni?

Il numero reale è 22,6.

La media delle risposte è 48.

In Italia, quante persone su cento hanno meno di 15 anni ?

In Italia, quante persone su cento hanno meno di 15 anni ?

Il numero reale è 13,7.

La media delle risposte è 26.

Qual è in un anno la percentuale di ragazze che tra i 15 e 19 anni partorisce?

Qual è in un anno la percentuale di ragazze che tra i 15 e 19 anni partorisce?

Il numero reale è 0,6%.

La media delle risposte è 17%.

In percentuale, quanti giovani italiani tra i 25 e 34 anni vivono con i genitori?

In percentuale, quanti giovani italiani tra i 25 e 34 anni vivono con i genitori?

Il numero reale è 49,1%.

La media delle risposte è 61%.

Su 100 persone dai 20 anni in su, quante sono obese o in sovrappeso?

Su 100 persone dai 20 anni in su, quante sono obese o in sovrappeso?

Il numero reale è 45,1.

La media delle risposte è 36.

In Italia quante persone su 100, tra i 25 e 64 anni, sono laureate ?

In Italia quante persone su 100, tra i 25 e 64 anni, sono laureate ?

Il numero reale è 15,7.

La media delle risposte è 38.

Dal 2000 ad oggi il n° di omicidi in Italia è aumentato, diminuito o uguale?

Dal 2000 ad oggi il n° di omicidi in Italia è aumentato, diminuito o uguale?

E' diminuito.

La media delle risposte indica che è  aumentato.

In Italia su 100 detenuti quanti sono nati in un altro Paese?

In Italia su 100 detenuti quanti sono nati in un altro Paese?

Il numero reale è 34,4.

La media delle risposte è 48.

Quante persone su 100 in Italia hanno un profilo su Facebook?

Quante persone su 100 in Italia hanno un profilo su Facebook?

Il numero reale è 43.

La media delle risposte è 76.

«Ci sbagliamo quasi su tutto». Con queste parole Bobby Duffy, direttore della sezione inglese di Ipsos, descrive il divario tra la realtà che ci circonda e la percezione che abbiamo di essa. Lo studio Perils of Perception – Why we’re wrong about nearly everything realizzato da Ipsos su un campione di 40 paesi (con oltre 50 mila intervistati dal 2014 ad oggi) evidenzia la tendenza a sovrastimare i dati del proprio Paese su temi come lavoro, immigrazione e criminalità ma anche salute, nuove generazioni e attualità. L’Italia non se la passa di certo bene, posizionata al primo posto del “Misperceptions Index” (Indice delle idee sbagliate) e risultante di fatto come il Paese con il più alto tasso di disinformazione rispetto a tutte le nazioni coinvolte, seguita da Stati Uniti e Francia.

 

2 commenti su “Quiz sulla società italiana: dato percepito e dato reale”

  1. L’influenza dei media è notevole sulla percezione dei fenomeni, in particolare i social media e la scarsa attitudine a consultare fonti ufficiali spinge persone in genere mal erudite e poco acculturate a dare credito a chicchessia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *