Arrigo Cipriani

Tutto quello che non sapete su Cipriani, “l’oste” del mitico Harry’s Bar di Venezia

L’indirizzo è tra i più celebri al mondo e uno dei più frequentati di Venezia. “Perchè qui ci devono venire apposta e non perché ci passano davanti”, diceva il “fondatore” di questo locale entrato nell’immaginario collettivo. San Marco 1323, calle Vallaresso: Harry’s Bar.

Da sinistra Arrigo Cipriani e il figlio Giuseppe

Le parole furono pronunciate nel 1931 da Giuseppe Cipriani, padre di Arrigo “L’unico oste che ha il nome di un bar”. Già anche questa è una delle tante leggende di una leggenda veneziana che da generazioni accompagna il bel mondo, gli artisti, i turisti e i romantici attratti da Venezia. E i veneziani, i pochi rimasti. Ma questa “Stanza” come Arrigo Cipriani, classe 1932, chiama il suo Bar, è davvero uno dei posti più cosmopoliti al mondo. Merito di Venezia, dei Bellini a base di un prezioso succo di pesca naturale, della cucina dell’Harry’s, o anche di quest’uomo carico di esperienza, ironia e voglia d’impresa? Per scoprirlo siamo andati “dietro le quinte” della sua vita per curiosare tra le pieghe di anni di lavoro, sacrifici, piacere dell’intraprendere e molteplici interessi.

Prima sorpresa. Arrigo Cipriani è il più veloce ristoratore d’Italia. Infatti, ama sfidare il tachimetro, mettere alla frusta il motore delle sue automobili. E se la prima, avuta in regalo dal padre Giuseppe, fu una Fiat Topolino trasformata dopo neppure un mese in un «mostro a due carburatori che a 110 vibrava tutta ma viaggiava che era un piacere», oggi, a 86 anni, per rilassarsi si mette alla guida della sua Mercedes Amg da oltre 500 cavalli. «E voglio sentirne anche l’anima. Sì, mi piace la velocità e guidare come un pilota». E se comincia a raccontarvi qualche storia della “sua” velocità da futurista, allacciatevi le cinture di sicurezza. Non è una contraddizione qui a Venezia? Niente affatto, ribatte: «È tutta una questione interiore, di anima e di estetica».

Arrigo Cipriani all'Imbarcadero San Marco Vallaresso
Arrigo Cipriani all’Imbarcadero San Marco Vallaresso
L'arrivo all'Harry's Bar
L’arrivo all’Harry’s Bar
Gli interni del locale veneziano
Gli interni del locale veneziano

E qui arriva un’altra sorpresa. Lorenzo Jorio, che fu sovrintendente del Gran Teatro La Fenice, considerava Arrigo “il miglior ristoratore che io conosca”. Ebbene, questo veneziano che manda al diavolo «i social e il 4.0» è anche cintura nera di karate. «Non solo: sono 3° dan e istruttore. Tutto iniziò quando avevo 35 anni, per caso. Il segreto non sta nella forza fisica, ma ancora una volta nell’anima. Un lungo studio per riappropriarsi dei movimenti del corpo. Qualcosa di insito in noi». E quest’uomo, che sicuramente è un’invidiabile personificazione del concetto di “metroglobal” (Arrigo è legatissimo a Venezia e alla sua gente, sempre più sottile, ma è anche a capo di una rete del buon mangiare costituita da 25 locali, da Londra a Dubai, da New York a Hong Kong e Riyadh, con 3000 dipendenti e una capacità di quasi seimila coperti giornalieri), per caso è diventato anche scrittore sagace e divertente. «Ho scritto dodici libri, molti tradotti in più lingue. La gavetta furono i miei articoli, spesso graffianti. Non mi tiro indietro neppure oggi e quando sul tavolo dei direttori dei giornali arrivano le mie cartelle non mancano le telefonate perché ho scritto troppo. Come finisce? Ci si mette d’accordo, ma devo anche tagliare. Un peccato».

Facile non fermarsi: Cipriani scrive dalla sua “postazione” preferita: «La stanza di lavoro a casa, alle Zattere, con vista su una parte bellissima della città». Uno sguardo oltre le finestre, e si lasciano scorrere i pensieri sulla tastiera del computer. E poi la luce: «Non vi dico cosa mi manca, ma posso svelarvi che amo la luce. C’è un rito a casa, ogni mattina. È così magico che ne ho fatto anche un breve video: aprire le imposte, e la casa si riempie di luce, e incantarsi sui riflessi straordinari dell’acqua sul soffitto». L’acqua, la Laguna, Venezia sono anche le molte Vogalonga disputate. «Compresa la prima, straordinaria. Poi tutto fu stravolto e non mi sono più iscritto». E ancora la tradizione del pranzo per i veneziani senior che si rinnova ogni anno all’Harry’s (e anzi è raddoppiato, con una “versione estiva” al “Dolci”). «Ricordo la prima volta: studiammo un menù per anziani. Un flop. Capii e l’anno successivo Bellini, poi antipasti, il primo (e non era più un brodo). Poi il pesce e ancora la carne e il dessert. Un successo: non abbiamo più cambiato. Eppure il più vecchio sono sempre io, Arrigo Cipriani».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Vuoi ricevere il prossimo numero del magazine Metropolitano.it?

Riceverai la tua copia gratuitamente a casa e sarai sempre tra i primi a ricevere le nostre good-news!

Rivivi le emozioni del basket!